Quando ero giovane se non avevi particolari destrezze nella guida della moto, se rimanevi sempre indietro durante i raid spericolati, venivi apostrofato come “piastrella”.

“Buuuhh, buuuuhh ti xe ‘na piastrela”

Ieri ho provato la custumer preview di Microsoft Windows 8 e, per via dell’evidente motivo a piastrelle della schermata start di Metro, mi è ritornato in mente lo sfottò giovanilistico (d’altri tempi) di cui sopra.

Metro interface windows 8

Qui però non si tratta di lentezza o di inettitudine, si tratta di un disastro di proporzioni immani sul fronte dell’usabilità. Il voler far fare lo smartphone anche al desktop/notebook porterà sciagure in casa Microsoft, a meno di correzioni clamorose dell’ultimo momento.

Poi è tutto mescolato. Ti metto la roba Metro ché tanto a te interessa solo andare su internet e per questo eccoti la bella piastrella celeste, però mantengo la piena compatibilità con il vecchio Desktop Environment, togliendo il menù start perché ho messo delle palline, con su stampate le vecchie icone,  in un sacchetto ed ho tirato a sorte per decidere cosa levare.

windows 8 desktop compatibility

Se pensi che il vecchio desktop ti possa dare conforto ti sbagli di grosso. Non puoi lanciare le applicazioni non-Metro dal bottone start — come ho detto prima non c’è più — ma solo da scorciatoia sul desktop . Sposti il mouse sull’angolo destro e appare una barra con degli strumenti ma il menù start ti riporta dalle piastrelle.

Per arrivare alla lista delle applicazioni, al pannello di controllo o al prompt dei comandi bisogna usare il click destro alla base di Metro.

apps on windows 9

Insomma, io non ho né il tempo né le capacità analitiche dei guri della user experience per poter dare giudizi equilibrati, e forse con il tempo si scoprirà anche che questa nuova interfaccia rivoluzionerà il modo di operare con un computer, ma per ora mi sembra un disastro.

Piastrella.

+Antonangelo De Martini